Giuseppe Zanotti, puntata 24

Giuseppe Zanotti, la ventiquattresima puntata del barbiere di Badfreier

Poesia scritture letture autocritica commenti critica
banner uomo addormentato Ultima modifica: 21-01-2014

> Home > Il barbiere di Badfreier

Ventiquattresima puntata.

Testimone 6

Qui si leggono le storie sepolte.
Le avrà sepolte il tempo,
il rispetto, la morale? Non importa;
da qui se ne capiscono di cose
e io, che sono vecchio,
da potermene fregare, e rimbambito,
come pensano in molti,
le posso raccontare una per una,
basta chiedere.
Per questo viale, in fondo, sulla destra:
la cappella dei conti. Lì c'è il vecchio,
la contessa, e l'albero maschile
fino al milleseicentoventisette.
C'è la tomba di lei, subito fuori,
e del marito. E non è stato,
come pensano molti, il figlio,
a dare quel posto alla signora,
per gentilezza, per riconoscenza;
sì, per fortuna, che c'è stata.
Era morta di parto, la contessa,
così fragile, e il vecchio conte,
è morto pure lui piuttosto giovane
e Marie, ha dato certamente un grande aiuto,
ma era il vecchio, che l'ha voluta lì,
anche il marito.
E' una storia sepolta; più nessuno
ne parla ma a quel tempo
là se ne sono dette, di malignità.
Il giovane marito stava al fronte
e il vecchio conte, allora colonnello,
ne aveva di potere e fu così.
E se l'amava lui, da quando la contessa
gli era morta lui,
non aveva attenzioni che per lei.
Così, si dice che gli si concesse
per ottenere il trasferimento.
Poco dopo,
una granata maciullò la gamba
del marito
e ritornò a Badfreier.
Si fece da parte il vecchio conte,
era un signore, e continuò ad amarla,
per il poco che visse. E così volle
che fosse sepolta proprio lì
e suo marito e poi, se lo vorrà,
quando sarà,
suo figlio.