Giuseppe Zanotti, puntata 5

Giuseppe Zanotti, La quinta puntata del barbiere di Badfreier

letture scritture commenti critica autocritica Poesia
banner uomo addormentato Ultima modifica: 21-01-2014

> Home > Il barbiere di Badfreier

Quinta puntata. Un primo testimone fa la sua comparsa, così la ricostruzione dei fatti e dei pensieri comincia ad attingere alle diverse prospettive dei personaggi coinvolti nella vicenda. Gli Azzoni sono sempre presenti con la loro splendida interpretazione.

Testimone 1

Da quando la signora,
bella signora, povera signora, sa
era lei che voleva per lui
per non affaticarlo.
Ma la signora
- dicevano che fosse la più bella,
quando era giovane -
io l'aiutavo un po' con le faccende
ma poi trovava sempre
qualcosa da fare, lei,
anima in pena, lui,
se ne stava rintanato e non parlava mai.
S'illuminava del figlio, sa,
quando arrivava una lettera,
una telefonata, era il suo orgoglio;
il figlio scienziato, lui pensava:
così vicino al senso delle cose
e rimpiangeva, d'essere stato barbiere
solo barbiere. Il figlio era gentile,
ma non passava mai e quindi lui,
ma le voleva bene, le portava i fiori,
usciva verso sera e con qualunque tempo;
c'era la passeggiata, una fatica,
a zoppicare su per la collina,
con la gamba di legno, e ritornava,
sempre, con il mazzo di fiori
e non diceva nulla e lei,
lo sa, era così contenta.
Da quando la signora, poi, mi disse
di non tornare più,
se la cavava lui, aveva chiuso
un paio di stanze e rintanato,
in camera da letto, dopo,
usciva molto poco, si vedeva poco
nel paese, veniva giù domenica,
soltanto per la messa e qualche volta
ancora prima della comunione
se ne andava via.