Giuseppe Zanotti, In limine

Giuseppe Zanotti, In limine

commenti Poesia letture autocritica scritture critica
banner uomo addormentato Ultima modifica: 21-01-2014

> Home > Poesie Sparse

In limine

La magnolia dai semi rossi
viene con il giardino di settembre

La nonna e le sue amiche di canasta
posano fotografiche dov'era la fontana.

Le cicatrici dei fulmini
alle così distanti
propaggini dei cedri là perdute
sono disgrazie recenti; il sottobosco
è imperturbabile.

Il muschio della torre si rinnova;
tre nuove lagestroemie,
dov'erano quelle divelte dalla tromba,
snudano i tronchi e si riflettono
sui vetri colorati della bussola.

E' un batter d'occhio
ricredere nei mostri del bosco profondo
Si deve non temere che nuovi immaginari
s'intreccino a memorie profondissime,
che per i figli dei figli evolvano le fiabe.