Giuseppe Zanotti, Lungofiume serale

Giuseppe Zanotti, Lungofiume serale

commenti autocritica Poesia letture critica scritture
banner uomo addormentato Ultima modifica: 21-01-2014

> Home > Poesie Sparse

Lungofiume serale

Lui gode un venticello trasversale,
ignora il fiume gonfio
e dondola disteso, un po' mi osserva
e finalmente
tace il suo pianto ai margini del sonno.
Io conosco
le cause naturali della pace:
l'odore d'acqua morta, e la cadenza
del passo calibrato, la carezza
della corrente che sommerge l'argine,
l'attracco delle barche e il loro schiocco
all'ombra del castello,
alle fronde dei platani
che scuotono la luce dei lampioni;
io conosco
le cause naturali e le ripenso.
Ti rispondo stanotte che andrei lì
a consumare il tempo,
e la pensione.