Giuseppe Zanotti, Quattromilionicentotredicimilaottocentosessantacinque

Giuseppe Zanotti, Quattromilionicentotredicimilaottocentosessantacinque

commenti scritture letture autocritica Poesia critica
banner uomo addormentato Ultima modifica: 21-01-2014

> Home > Poesie Sparse

Quattromilionicentotredicimilaottocentosessantacinque

Papà è tornato,
- grido -
è in un brevetto del millenovecentosettantotto;
è insieme a Dondi.

L'aspettavo fiducioso e fedele
come un cane senza padrone.

Ora che lui c'è nella grande memoria
mi fa meno paura
che tu non lo riconosca in fotografia.

Ho i granuli di succo di frutta
da meno di un millimetro di diametro
che portano il suo nome.

Coraggio,
sarà più facile, vedrai, d'ora in avanti,
credere nell'esistenza del nonno.